Creare e gestire cartelle criptate con ENCFS attraverso Gnome ENCFS Manager

Abbiamo già visto in un precedente articolo come creare e gestire da terminale delle cartelle criptate con ENCFS.

La gestione da terminale, però, non è sicuramente la più comoda, soprattutto perché si può aver la necessità di montare le cartelle criptate all’avvio, automaticamente. Si possono creare degli script, aggiungere le cartelle in /etc/fstab, ma la soluzione più semplice per gestire questo tipo di cartelle private è sicuramente Gnome ENCFS Manager, “Un programma per montare e gestire facilmente archivi encfs”.
Per installare il software possiamo usare su Ubuntu un PPA dedicato, mantenuto dal programmatore:

sudo add-apt-repository ppa:gencfsm/ppa
sudo apt-get update
sudo apt-get install gnome-encfs-manager

Una volta installato il programma avviamolo (si chiama proprio Gnome Encfs Manager nel menu di avvio di qualsiasi distribuzione); apparirà la seguente finestra di gestione, richiamabile da un pulsante che appare nel pannello, come icon tray

Scegliamo quindi di creare e montare una nuova cartella Encfs oppure, avendola già creata con la procedura già trattata nel precedente post, ci limitiamo a montarla.

Immaginando che la nostra cartella criptata si chiami ‘.Archivio’ e si trovi in Dropbox, inseriamo nel primo spazio la cartella criptata (o di origine) e nel secondo spazio la cartella in cui vogliamo montarla, per la sua lettura decifrata (in questo caso ~/Documenti/Archivio).
Solitamente Gnome Encfs Manager cerca di montare la cartella in ~/Encfs, ma è sufficiente modificare la cartella predefinita nelle impostazioni avanzate, andando in Menu > Impostazioni > Avanzato.

Dopo aver creato la destinazione, cliccare (o flaggare) sul pulsante apposito (‘Montatoì) per montare la cartella criptata. Verrà chiesta la passphrase e la cartella criptata sarà montata.

Selezionando la singola cartella si può aprire il pannello di configurazione del volume, premendo il terzo tasto da sinistra o da Menu > Archivio > Configurazione

A questo punto si possono scegliere varie opzioni, tra cui quella di montare il volume all’avvio e quella di salvare la password nel portachiavi. Selezionando entrambe le opzioni, al riavvio del computer il volume verrà montato automaticamente e solo al primo riavvio chiederà la passphrase, per la sua archiviazione nel portachiavi.
Ovviamente questo presuppone che Gnome Encfs Manager si avvii automaticamente all’avvio, selezionando l’apposita opzione in Menu > Impostazioni: “Avvia automaticamente al login”, con l’ulteriore opzione “Smonta ogni archivio al logout”.

Gnome Encfs Manager funziona perfettamente su Unity ed Xfce. Non l’ho provato su altri DE o WM, ma non dovrebbero esserci problemi su tutte le distribuzioni basate su gtk.

Altri software simili sono Kryptkeeper, nei repository ufficiali, e K-EncFS, quest’ultimo creato per kde e reperibile in kde-apps.org.